Palacio de la Moneda - Tropical Spirit Blog

Cosa vedere a Santiago del Cile in due giorni

Ultimo aggiornamento il 22 Marzo 2024 da tropicalspirit

Santiago del Cile è la porta d’ingresso di un viaggio in Cile, in un itinerario in questo paese vale sicuramente la pena fermarsi almeno due giorni nella capitale. Una città da tante sfaccettature: caotica come tutte le città del Sud America, qui vivono più di cinque milioni di abitanti, ricca di storia e luoghi simboli della cultura del paese, con quartieri variopinti e vivaci uniti a zone moderne con grattacieli e bei negozi. Non è una città di cui si sente molto parlare eppure a me non è dispiaciuta, ha una posizione strategica così circondata dalle Ande innevate, ha alcuni luoghi interessanti da visitare, non l’ho percepita troppo pericolosa rispetto ad altre città Sud Americane e l’ho trovata appunto la città più occidentale del Sud America. Ecco quindi un post dedicato alla capitale cilena, cosa vedere a Santiago del Cile in due giorni, i luoghi da non perdere e consigli sulla visita.

Prima di raccontarti tutto nel dettaglio, rispondo a qualche domanda che mi è stata fatta relativamente alla capitale cilena.

Se poi ti stai chiedendo cosa vedere in Cile ti lascio un itinerario cosa vedere in Cile tra deserti, laghi e città.

cosa vedere a Santiago del Cile in due giorni - Tropical Spirit Blog

Santiago del Cile

Quanti giorni per visitare Santiago del Cile

La città è molto grande, si estende per circa 640 km², è una città moderna con un efficiente sistema di trasporti. Il tempo giusto per visitare la città è fermarsi almeno due giorni, in questo modo si riescono a vedere le principali attrazioni con comodità. Con un giorno in più si può prevedere l’escursione a Valparaiso di cui ti parlo in questo post su cosa vedere a Valparaiso, io però mi ci sono fermata a dormire, dipende da i giorni che si hanno a disposizione nella programmazione del viaggio.

Come spostarsi dall’aeroporto al centro di Santiago del Cile

L’aeroporto internazionale si trova a circa 30 chilometri dalla città, ci vogliono circa 30 minuti per arrivare in centro. Io per comodità prenoto sempre un transfer privato che mi ha portato direttamente in albergo anche perché viaggiando in compagnia è comodo e si divide il costo. Se anche tu sei in procinto di andare a Santiago e vuoi seguire il mio esempio ti lascio link per un transfer dall’aeroporto all’hotel .

In alternativa ci sono i taxi decisamente comodi per girare per Santiago oppure c’è anche un servizio di bus che può essere utilizzato Turbus o di altre compagnie che partono subito fuori dagli arrivi.

Come spostarsi a Santiago del Cile

Santiago del Cile è una metropoli sviluppata con ottime vie di comunicazione, la città è servita da metro, autobus o taxi. La metropolitana di Santiago è veloce e sicura e funziona dalle 6 alle 23. Sono comodi i taxi ma soprattutto è molto usato Uber più conveniente e più utilizzato dei taxi.

E’ cara Santiago del Cile

Santiago è paragonabile alle nostre città europee, il costo della vita non è basso ma anzi molto simile agli standard occidentali. La moneta è il peso cileno, la carta di credito è accettata in modo diffuso.

Immacolata Concezione Santiago del CIle - Tropical Spirit Blog

Immacolata Concezione Santiago del CIle

Quando visitare Santiago del Cile

Il periodo migliore per visitare Santiago del Cile è quello corrispondente all’estate cilena quindi da ottobre fino ad aprile. Le temperature sono calde anche 30 gradi ed è poco piovoso. Il periodo da maggio a settembre corrisponde all’inverno e pertanto può essere fredda e piovesa. Queste sono le caratteristiche generali a dire il vero io l’ho visitata di agosto, ho avuto la fortuna di trovare bel tempo e non era neanche particolarmente freddo, bastava un giubbotto di jeans di giorno, un pò più fresco la sera.

Cosa vedere a Santiago del Cile in due giorni

Santiago del Cile è una tappa necessaria in un viaggio in Cile, si ci ferma qui per visitare le Ande e scoprire il Deserto di Atacama che ti consiglio assolutamente di vedere, per avere un’idea di cosa sto parlando ti rimando al Deserto di Atacama cosa vedere in tre giorni.  Santiago del Cile è una città moderna, un mix di bellezze naturali, artistiche e testimonianze del passato,decisamente diversa da altre città sud americane, a tratti sembra davvero una città europea, la qualità della vita è alta. Ti confesso che a prima vista mi ha lasciato un pò perplessa. Non è la classica città sudamericana dall’impronta colonale che amo tanto. E’ una città grande, moderna, in pieno centro tanti negozi cheap. Girandola meglio invece l’ho trovata ricca di contrasti molto piacevoli, quartieri colorati, panorami dall’alto, musei, una città interessante nel suo complesso.

Ecco quindi le attrazioni da non perdere e alcuni consigli su cosa vedere a Santiago del Cile in due giorni.

Plaza de Armas

La visita della città inizia solitamente da Plaza de Armas, una delle piazze più antiche della città che un tempo era il centro commerciale destinato al mercato.  Sulla piazza si trovano vari edifici principali tra cui la Cattedrale, un connubio di arte neoclassica e barocca, il Palacio de la Real Audiencia, realizzato in stile neoclassico, sede del governo fino al 1846, il Municipio, ricostruito dopo un incendio nel 1891.

Intorno alla Plaza de Armas si trovano poi vari negozi, tra cui anche  due centri commerciali, cafè, ristoranti, è sempre molto animata, pena di gente e di rumore.

Collina di Sant Cristobal

Una tappa da non perdere è il grande parco che si trova sulla collina Cerro San Cristobal, raggiungibile a piedi o in funicolare o in funivia. Da lassù si gode innanzitutto di un bel panorama sulla città, nelle giornate limpide si scorgono anche le Ande. Qui si trova poi il Santuario dell’Immacolata Concezione con la statua altissima della Vergine Maria, alta ben 22 metri. Un giardino in stile giapponese e lo zoo municipale, tra le tante cose da vedere anche la scritta molto instagrammabile del Cile.

cile - Tropical Spirit Blog

cosa vedere a Santiago del Cile in due giorni

Quartiere Bellavista

Un quartiere molto animato, famoso per i ristoranti e la vita notturna, pieno di case dalle tinte pastello, di gallerie d’arte, librerie, negozi. E’ il quartiere bohemien di Santiago dove si esibiscono artisti di strada ed espongono piccoli artigiani come quelli che lavorano i lapislazzuli, la bellissima pietra blu che si trova spesso in Cile.

Tanti murales e arte urbana danno un tocco caratteristico al quartiere, in tutta questa creatività non è un caso che il poeta Pablo Neruda abbia trovato casa. In Calle Fernando Marquez de la Plata 192 s trova infatti la Chascona la casa che Pablo Neruda dedicò alla compagna Matilde Urrutia, oggi è sede della Fondazione Pablo Neruda e di un museo dedicato al poeta. La casa ha una forma particolare che ricoda una barca.  E’ decidamente carina da vedere per comprendere questo estroso artista. Gli interni sono eccentrici e particolari, si può trovare lo studio del poeta, la camera da letto che si affaccia su una cascata, tanti oggetti presi in viaggio, spesso legati al mare, molto caro all’artista.

cosa vedere a Santiago in due giorni - quartiere Bellavista - Tropical Spirit Blog

quartiere Bellavista

Mercado Central

Avevo sentito parlare tanto del mercato come un luogo folcloristico e dove poter pranzare, a dire il vero non mi ha entusiasmato molto, bella la struttura in ferro di epoca coloniale ma all’interno non ho trovato tutta l’atmosfera descritta, tanti banchi del pesce ma molti luoghi turistici per mangiare. Abbiamo preferito uscire fuori e fermarci a pranzare in un ristorantuno esterno decisamente migliore di quelli all’interno.

Palacio della Moneda

Un luogo storico di Santiago, il Palazzo della Zecca qui si trovano gli uffici presidenziali cileni, è stato il luogo del colpo di Stato che rovesciò il Presidente Salvator Allende. Il palazzo neoclassico, ospita  il Centro Culturale La Moneda, in cui vengono esposte opere d’arte moderna e contemporanea provenienti da tutto il mondo.

Palacio de la Moneda - Tropical Spirit Blog

Palacio de la Moneda

Barrio Lastarria

Un quartiere ordinato, ricco di locali, bar, ristoranti, librerie,  tanti edifici storici creano un’atmosfera davvero pittoresca. Vi si trova anche il Gam, un centro culturale in onore della poetessa Gabriela Mistra oltre che alcuni teatri.

cosa vedere a Santiago del Cile in due giorni - quartiere Lagarria - Tropical Spirit Blog

quartiere Lagarria

Barrio Italia

Altro quartiere animato con bei caffè e negozietti. Carino per una pausa pranzo. Noi siamo stati con ottimo pesce al Pescado Rabioso Cebicheria.

Museo della Memoria e dei diritti umani

Consiglio assolutamente la visita del Museo della Memoria e dei Diritti Umani realizzato in memoria delle vittime della dittatura  per comprendere la storia di questo paese. Sicuramente un’esperienza forte e commovente ma è giusto conoscere una realtà non troppo lontana. La dittatura di Pinochet è durata dal 1973 al 1990. Le vittime sono state più di 40.000 persone. All’interno tante immagini e tanta storia attraverso video e fotografie.

Sky Costanera

La vista più spettacolare della città si ha dal Belvedere della Torre Costanera, che si trova al 62° piano della torre, a oltre 300 metri di altezza. La Gran Torre è la più alta di tutto il Sudamerica e da qui si può vedere la città di Santiago intera, compresa la cornice delle Ande. Davvero una vista a 360° spettacolare da non perdere. Si trova in un quartiere un pò decentrato ma che vale la pena raggiungere con un taxi.

sky costanera santiago - Tropical Spirit Blog

sky costanera santiago

Come visitare Santiago

Santiago si può comodamente girare in autonomia ma per un primo approccio della città consiglio un free tour molto usato in Sud America. Puoi prenotarlo dall’Italia direttamente a questo link 

Altro consiglio che mi sento di darti è di non partire senza un’assicurazione medica, troppo rischioso e soprattutto costoso in caso di evenienza che si spera non capiti mai ma all’occorrenza bisogna essere pronti, ti lascio un link per usufruire del 10 % di sconto

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche….

13 Comments

  • Reply
    ANTONELLA
    16 Gennaio 2024 at 16:32

    Nel mio viaggio in Cile, Santiago è stata proprio una tappa di transito tra il Deserto di Atacama e la Patagonia. Non posso dire di averla visitata, l’ho conosciuta con il tuo post, ma ho il ricordo di una serata piacevolissima con una mia cliente e la sua famiglia in un ristorante paragonabile a quelli di Milano

    • Reply
      tropicalspirit
      17 Gennaio 2024 at 8:11

      Sì la città ha decisamente standard occidentali, bei ristoranti e locali, non ha attrazioni pazzesche ma nel complesso è piacevole

  • Reply
    Silvia The Food Traveler
    16 Gennaio 2024 at 17:35

    Mi piacciono tantissimo questi articoli dettagliati perché trovo sempre molto utili i consigli su come organizzare un viaggio in una città, su cosa vedere e cosa aspettarsi.
    Peccato per il mercato che non è stato all’altezza delle aspettative: anche a me è capitato di visitare dei mercati di cui avevo letto cose favolose, per poi ritrovarmi in un posto super turistico.

    • Reply
      tropicalspirit
      16 Gennaio 2024 at 21:04

      Sì infatti capita talvolta, con meno aspettative forse si è meno delusi, era tutto anche molto deserto per cui magari l’impressione è stata condizionata anche da quello

  • Reply
    Teresa
    16 Gennaio 2024 at 18:32

    Da quando sono tornata dall’Argentina ho cominciato a sognare un viaggio in Cile, e naturalmente dedicherei due o tre giorni alla capitale Santiago, anche se non è il mio obiettivo principale. Grazie per le dritte, mi salvo il tuo articolo così so già come impiegare questi giorni.

    • Reply
      tropicalspirit
      16 Gennaio 2024 at 20:59

      Sicuramente Santiago è la tappa di transito per raggiungere le meravigliose bellezze del Cile, tu giustamente pensi al Cile e io all’Argentina,ho la fissa del Sud America

  • Reply
    Annalisa Spinosa
    17 Gennaio 2024 at 9:01

    Viaggiando proprio a partire da ottobre credo che questa meta faccia al caso nostro. Sicuramente però bisognerà approfittare delle vacanze scolastiche, onde evitare assenze ingiustificate alla bimba, ragion per cui sicuramente i prezzi saranno più alti. Cpmplimenti per l’articolo, ricco di spunti e di consigli utili per ottimizzare la visita di Santiago.

  • Reply
    Eliana
    17 Gennaio 2024 at 9:17

    Che meraviglia il murales del micio! Lo avrei immortalato anche io! Mi sembra una città pittoresca e ricca di storia, non così facile da visitare date le sue dimensioni ma che in due o tre giorni si può vedere tranquillamente!

  • Reply
    La Kry
    17 Gennaio 2024 at 17:51

    Ammetto che pensando ad un viaggio in sud America, il Cile non sale sul podio delle prime mete che visiterei. Ma il murales del gatto le regala diversi punti bonus! Inoltre leggo sempre volentieri un articolo ben scritto che descrive in modo sintetico ma completo un esperienza che possa essere di spunto per altri.

    • Reply
      tropicalspirit
      17 Gennaio 2024 at 22:06

      Grazie Kry mi fa piacere essere utile con i miei articoli, concordo con te che come primo viaggio in Sud America non farei il Cile ma io sai che sono un’amante del Sud America e sponsorizzo tutto

  • Reply
    Libera
    17 Gennaio 2024 at 18:47

    Sinceramente credevo che ci volessero molti più giorni a visitare questa città però il tuo suggerimento di dedicare due giornate a Santiago del Cile mi rincuora nel caso in cui decida di inserirla come tappa di un on the road in Sud America.

    • Reply
      tropicalspirit
      17 Gennaio 2024 at 21:49

      No non è una città a cui dedicare troppo tempo interessante ma non stupefacente, tappa però obbligata in un viaggio in Cile

  • Reply
    LARA
    19 Gennaio 2024 at 20:03

    Non ho mai considerato il Cile come meta per i miei viaggi, ma mi piacciono molto le foto che hai pubblicato, una città dai colori vividi e felici.

Leave a Reply