cosa fare nei giardini Majorelle - Tropical Spirit Blog

Visitare i Giardini Majorelle l’angolo blu di Marrakech

Ultimo aggiornamento il 18 Giugno 2024 da tropicalspirit

Se ti trovi a Marrakech non puoi perdere la visita dei Giardini Majorelle, un angolo pittoresco della città. In questo bel giardino botanico è infatti possibile trovare un rifugio tranquillo  dal trambusto della città, immergendoti in una sinfonia di colori e suoni naturali. Sebbene il luogo sia comunque diventato molto turistico, non è più infatti l’oasi di pace che era dieci anni fa,  è ancora un luogo estremamente elegante, un angolo blu nel cuore di Marrakech con bellissimi giardini, architettura art déco e un eccellente museo. Ecco quindi in questo post ti racconto come visitare i Giardini Majorelle con tanti consigli e informazioni utili per la visita. Leggi il post fino alla fine se progetti questa destinazione in Marocco.

Jardin Majorelle - Tropical Spirit Blog

Jardin Majorelle

Come arrivare ai Giardini Majorelle

I Giardini Majorelle si trovano al di fuori della Medina, nel quartiere Gueliz, un bel quartiere in stile europeo con bei vialoni e boutique e ristoranti dall’influenza francese. Siamo nell’area ovest della Medina per cui possono essere raggiunti a piedi con una bella passeggiata di circa 30 minuti. Altrimenti il modo più comodo è prendere un taxi e ti ricordo di contrattare  per la corsa.

Quanto tempo ci vuole per visitare i Giardini Majorelle

Per visitare compiutamente i Giardini Majorelle occorrono almeno due o tre ore, soprattutto se oltre ai giardini si visitano il Museo Berbero e il Museo di Yves Laurent.

cosa vedere nei giardini Majorelle - Tropical Spirit Blog

cosa vedere nei giardini Majorelle

Informazioni utili per visitare i Giardini Majorelle

Visitare i Giardini Majorelle è un’esperienza indimenticabile ma con alcuni consigli l’organizzazione della visita è ancora più semplice.

Prenotazioni dei biglietti

Il sito è molto frequentato per cui è assolutamente consigliabile acquistare i biglietti online per evitare di non trovare posto. Quando c’ero io all’ingresso c’erano persone senza prenotazione che avevano difficoltà a entrare. Il costo del biglietto varia, ma è possibile acquistare un biglietto combinato che include anche l’ingresso al Museo Berbero e al Museo Yves Saint Laurent. Sinceramente vale la pena spendere il supplemento e visitare anche questi musei. Il biglietto combinato costa circa 30 euro ci sono agevolazioni per studenti, agenti di viaggio, bambini.

Orari di apertura

I giardini sono aperti tutti i giorni, ma gli orari possono variare a seconda della stagione. È consigliabile verificare gli orari aggiornati sul sito ufficiale.

Consigli Utili

Essendo un luogo piuttosto affollato sarebbe consigliabile visitarlo nelle prime ore del mattino quando sicuramente è più tranquillo e soprattutto è possibile fare belle fotografie con meno gente intorno, il giardino è un’opportunità fotografica da non perdere.

Vestiti comodo a seconda della stagione può anche fare molto caldo.

Vedere i Giardini Majorelle - Tropical Spirit Blog

Vedere i Giardini Majorelle

Storia dei Giardini Majorelle

I Giardini Majorelle sono un dono che il pittore francese Jacque Majorelle fece alla città di Marrakech. Majorelle arrivò nel 1917 in Marocco e rimase stregato dai colori e dalla vivace vita di strada di Marrakech. Nel 1923 acquistò un palmeto situato alla periferia della città e iniziò a lavorare su quella che sarebbe diventata la sua più grande opera d’arte: i giardini Majorelle. Negli anni ’30, Majorelle commissionò all’architetto Paul Sinoir la costruzione di una villa in stile Art Déco nel cuore dei giardini. La villa fu dipinta di un vivace blu cobalto, un colore che Majorelle aveva sviluppato e che è ora conosciuto come “blu Majorelle”. Questo straordinario blu cobalto è una caratteristica originale concepita dalla stesso Majorelle ispirata al cielo marocchino e ai veli blu del popolo Tuareg.

Dopo la morte di Majorelle la villa fu abbandonata e per molto tempo non utilizzata. Nel 1980, i giardini furono acquistati dal famoso stilista Yves Saint Laurent e dal suo partner, Pierre Bergé. I due restaurarono i giardini con grande cura, ripristinando molte delle piante e delle strutture originali. La casa originale venne ribatezzata Villa Oasis da Yves Saint Laurent che era profondamente affezionato ai giardini, tanto che, dopo la sua morte nel 2008, le sue ceneri furono sparse qui.

Visitare i Giardini Majorelle - Tropical Spirit Blog

Visitare i Giardini Majorelle

Cosa vedere nei Giardini Majorelle

Oggi i giardini Majorelle sono aperti al pubblico e rappresentano una delle attrazioni turistiche più popolari in Marocco. I suoi giardini famosi per le piante provenienti da tutto il mondo sono decisamente affascinanti, il tour si sviluppa attraverso un percorso segnalato per cui tutto molto semplice, tuttavia qui ti riepilogo i punti salienti da vedere nei Giardini Majorelle.

La Collezione Botanica

Troverai i giardini decisamente esotici infatti qui si trovano oltre 300 specie di piante provenienti da cinque continenti. Cactus, palme, bambù, bouganville, piante acquatiche e tante altre specie rare. Il tutto intervallato da laghetti e fontane che creano un’atmosfera rilassante e costituiscono un rifugio nella frenesia della città.

Piante esotiche Jardin Majorelle - Tropical Spirit Blog

Piante esotiche Jardin Majorelle

Il Colore Blu Majorelle

Ciò che poi colpisce nella visita è questo colore blu intenso diventato proprio famoso  come “Blu Majorelle”. Questo colore vibrante crea un contrasto spettacolare con il verde delle piante e il cielo azzurro di Marrakech. Ulteriori dettagli gialli e il colore di alcuni fiori come la bouganville rendono questo quadro ancor più pittoresco.

blue majorelle - Tropical Spirit Blog

blue majorelle

Il Museo Berbero

La villa dipinta di blu elettrico in cui Majorelle aveva collocato il suo studio ospita oggi il Museo Berbero che presenta una ricca collezione di oggetti d’arte e artigianato berbero. La collezione include circa 600 pezzi che comprendono manufatti in legno, tessuti, abiti tradizionali, gioielli. Una ricca raccolta della cultura e storia del popolo berbero.

Villa Oasis

La residenza mescola il tipico rosso terracotta di Marrakech con il blu elettrico di Majorelle e il verde islamico sulle facciate e sul tetto di piastrelle a piramide. I giardini intorno sono intervallati da specchi d’acqua con rane gracidanti e ninfee, questa parte dei giardini sono ancora più affascinanti.

Giardini Majorelle - Marrakech - Tropical Spirit Blog

Giardini Majorelle

 

Il Memoriale Yves Saint Laurent

All’interno del giardino si trova un antico pilastro romano che Yves Saint Laurent e Pierre Bergé trovarono su una spiaggia a Tangeri. La sua presenza è un omaggio al contributo di Saint Laurent alla cultura e all’arte.

Il Museo Yves Saint Laurent

Situato vicino ai giardini, è assolutamente da visitare intanto è un’opera di arte contemporanea che si erge su una base di marmo e pietre marocchine, sormontato da una sorta di pizzo di mattoni rossi.  Il museo è dedicato al lavoro del famoso stilista e presenta una selezione delle sue creazioni, schizzi, e fotografie che raccontano la sua carriera e il suo legame con Marrakech. Il museo è frutto del progetto di Pierre Bergé che ha voluto creare un archivio del lavoro dello stilista.

Il cuore del museo è la Sala Yves Saint Laurent un’esposizione permanente dei suoi schizzi, molto bello anche l’auditoriumo dove  vengono proiettati i video delle sfilate e si ascoltano le registrazioni con la sua voce. Fondamentale per comprendere l’animo dell’artista, il suo percorso di vita, la sua crescita professionale e il suo amore per Marrakech. A me è piaciuto molto e ho ritrovato nella natura e i colori di Marrakech i colori vivaci dei suoi abiti.

Il Caffè Majorelle

Dopo la visita, puoi rilassarti al caffè all’interno dei giardini, che offre bevande rinfrescanti e piccoli spuntini in un ambiente tranquillo e ombreggiato.

Un luogo davvero piacevole da visitare e che è perfettamente rappresentato da Pierre Bergé che lo definì Un’oasi in cui i colori di Matisse si mescolano a quelli della natura” ed è proprio così quel blu, verde, giallo resteranno a lungo negli occhi di chi lo osserva.

Se sei in procinto di visitare Marrakech ti suggerisco di approfondire con  il mio post su cosa vedere nella Medina di Marrakech

Potrebbe interessarti anche….

22 Comments

  • Reply
    Veronica
    18 Giugno 2024 at 16:35

    Uno dei miei sogni nel cassetto è visitare questi giardini. Credevo fossero più lontani dalla Medina ma è un piacere sapere che sono solo ad una mezz’ora a piedi. Molto utile anche il biglietto cumulativo.

    • Reply
      tropicalspirit
      19 Giugno 2024 at 8:52

      Sì assolutamente vale la pena visitare tutto

  • Reply
    Annalisa Spinosa
    18 Giugno 2024 at 17:22

    Che posto incantevole. Non ne ero a conoscenza sinceramente. da visitare assolutamente se ci Si trova in zona, è una vera chicca di viaggio!

    • Reply
      tropicalspirit
      19 Giugno 2024 at 8:35

      Sì da non perdere a Marrakech merita sicuramente

  • Reply
    Silvia The Food Traveler
    19 Giugno 2024 at 11:34

    Questo è uno dei posti che voglio assolutamente vedere quando andrò a Marrakech. Ho visto per la prima volta le immagini dei Giardini Majorelle in una serie televisiva, e da allora sogno di visitarli. Ottimo il suggerimento del biglietto cumulativo per non perdere nemmeno il Museo Yves Saint Laurent, e il consiglio di andare durante le prime ore del mattino per trovare meno gente.

    • Reply
      tropicalspirit
      19 Giugno 2024 at 22:26

      Sì ovviamente il posto è molto battuto, vederlo in maggiore tranquillità è sempre un’altra cosa soprattutto per fotografare

  • Reply
    Zelda
    19 Giugno 2024 at 12:02

    E’ uno dei posti che mi piacerebbe visitare in zona Marrakech, sarebbe davvero bello per combinare anche i luoghi di Yves Saint Laurent.

    • Reply
      tropicalspirit
      19 Giugno 2024 at 22:19

      Una bella immersione nel mondo dello stilista, mi è piaciuto molto il museo a lui dedicato

  • Reply
    Sara Bontempi
    19 Giugno 2024 at 12:21

    Che belli i Giardini Majorelle, che colori favolosi e tradizionali, li visiterei sicuramente!

    • Reply
      tropicalspirit
      19 Giugno 2024 at 22:16

      Sì ti piacerebbero sicuramente

  • Reply
    Eliana
    19 Giugno 2024 at 14:28

    Visiterei Marrakech anche solo per i Giardini Majorelle! Io amo le architetture arabesche che si intrecciano con l’acqua e con i giardini, motivo per cui mi sono innamorata dell’Andalusia. Speriamo di avere il tempo di ammirarli quando partirò fra un mese!

    • Reply
      tropicalspirit
      19 Giugno 2024 at 22:14

      Ma sì vedrai che vi porteranno, ti piacerà molto il Marocco ne sono certa

  • Reply
    ANTONELLA
    19 Giugno 2024 at 14:32

    Ho visitato i giardini Majorelle tanto tempo fa e non c’era il memoriale di Yves Saint Laurent, ho molta voglia di tornare in Marocco e la bellezza dei colori di questi giardini mi conferma che è giunto il tempo. I contrasti con il giallo dei vasi e i colori dei fiori sono di una bellezza assoluta

    • Reply
      tropicalspirit
      19 Giugno 2024 at 21:48

      Sì anche io in precedenti visite di Marrakech non li avevo visti ma devo dire che la visita è molto piacevole, sono da vedere

  • Reply
    Francesca
    19 Giugno 2024 at 23:38

    Ricordo le gigantesche piante grasse e gli abbinamenti eccentrici dei colori giallo e blu. Un luogo da non perdere, dove potersi rinfrescare nelle zone di ombra e godere di attimi di pace. Facile da visitare anche se, essendo il giardino più freqentato, in alcune ore si possonon trovare file per l’accesso.

    • Reply
      tropicalspirit
      20 Giugno 2024 at 8:47

      Sì purtroppo sempre affollato ma inevitabile così esotico e particolare

  • Reply
    LARA
    20 Giugno 2024 at 17:47

    Stupende le foto dove questo blu splendente sembra prendere vita. Non sono un’amante dei paesi del nord Africa, ma questi giardini li visiterei volentieri.

    • Reply
      tropicalspirit
      21 Giugno 2024 at 9:23

      Sono in effetti particolari non a caso hanno ammaliato artisti come Yves Saint Lauren, penso che ti potrebbero piacere

  • Reply
    libera
    28 Giugno 2024 at 7:50

    Non sapevo del legame tra Yves Saint Laurent e questo luogo incontaminato, che già da sé, costituisce un’incredibile attrazione per chi visita Marrakesh

    • Reply
      tropicalspirit
      28 Giugno 2024 at 8:32

      Sì era innamorato di Marrakech e i suoi colori hanno ispirato molte collezioni

  • Reply
    Claudia
    3 Luglio 2024 at 2:06

    Mi mangio le mani che durante il mio viaggio a Marrakesh non siamo riusciti a vedere gli splendidi giardini Majorelle perche’ chiusi per un evento privato quel giorno e purtroppo era il nostro ultimo giorno in citta’

    • Reply
      tropicalspirit
      4 Luglio 2024 at 22:13

      Peccato in effetti sono molto belli da visitare, vorrà dire che sarà occasione per tornare a Marrakech, una città che merita ben più di una visita

Leave a Reply